sabato 23 dicembre 2017

Regole per Esseri Umani

Mi capita piuttosto frequentemente di imbattermi nel decalogo che posto oggi.
Evidentemente ho bisogno di rinfrescarmi la memoria abbastanza spesso.
Mi sembrava di averlo già pubblicato a suo tempo, ma cercandolo nel blog non ho avuto  riscontro. Nel caso lo avessi già fatto.... abbiate pazienza, comincio ad avere una certa età! (a proposito di memoria).😉

Mi piace immaginare che:

In un luogo segreto del Regno Supremo, in un maestoso palazzo, ci sono Anime che hanno deciso di incarnarsi sulla Terra.
Ogni Anima, quando è pronta ad intraprendere un nuovo percorso nella forma umana, viene chiamata e accompagnata al cospetto del Grande Maestro Capo, la massima autorità incaricata per quel settore, per celebrare questo straordinario evento. 
Il Grande Maestro Capo accoglie personalmente tutte le Anime in partenza nell'ampia Sala dei Ricevimenti, dove ci sono altri Esseri Celesti altrimenti conosciuti come Anime Guida, per la Cerimonia di Commiato.
Iniziano quindi i  festeggiamenti con canti, danze, lodi e doni. 
Vengono distribuiti talenti, buone qualità e libero arbitrio da usare con discernimento quando saranno in transito sulla Terra.
Finalmente arriva il momento del saluto e del commiato, tra gioia e trepidazione.
Ogni singola Anima riceve l'abbraccio del Maestro e una Benedizione speciale. E tra raccomandazioni, rassicurazioni e parole di incoraggiamento, viene informata di quello che, in sintesi, sarà il fondamento della sua nuova vita.
Ecco, ora il viaggio può cominciare... Inizia l'avventura. 
Buona Vita! (mv)



DECALOGO PER L'UMANITA'

1 - Riceverai un corpo, potrà piacerti oppure no, ma anche se non ti piacerà, sarà tuo finchè sarai sulla Terra, impara ad accettarlo, qualunque sia la tua opinione al riguardo.

2 -Apprenderai lezioni, sarai iscritto permanentemente alla scuola della vita, per avere ogni giorno l'opportunità di imparare lezioni importanti. Potrai amare queste lezioni, oppure potrai considerarle stupide ed irrilevanti.

3 - Non ci saranno errori, ma unicamente lezioni. La crescita è un processo fatto di tentativi e dovremo sperimentare gli errori molte volte. Gli esperimenti o le esperienze fallite sono parte del processo, così come le esperienze che ci spingono a lavorare...

4 - La lezione si ripeterà fino a quando non verrà appresa, si presenterà sotto varie forme, e quando l'avrai assimilata, ti sposterai verso la successiva.

5 - Le lezioni d'insegnamento sono un compito senza fine. Non esiste una parte della vita che non contiene insegnamenti. Finchè sarai vivo, ci saranno lezioni da imparare ed insegnamenti.

6 - Penserai sempre che sarebbe meglio trovarsi altrove, piuttosto che dove ti trovi, ma non riuscirai a sentirti bene, fino a quando non capirai che il qui e ora è l'unico luogo in cui dimorare.

7 - Le altre persone sono semplicemente il tuo riflesso. Non è possibile amare o odiare qualcosa in un'altra persona, a meno che essa non rifletta qualcosa che ami o odi in te stesso.

8 - Quello che fai della tua vita è un tuo problema. Disponi di tutti gli strumenti e le risorse necessarie. Cosa ne farai non è una scelta altrui. La scelta è tua.

9 - Le risposte alle domande della vita sono dentro di te. E' sufficiente guardare, ascoltare ed avere fede.

10 -  Dimenticherai tutto questo, quando nascerai su questo pianeta... e nonostante questo, sarà facile ricordarlo se ti connetterai a te stesso attraverso la saggezza celeste.

(alcune fonti attribuiscono il testo a Chérie Carter-Scott, altre ritengono che sia di autore sconosciuto e nella maggioranza dei casi viene pubblicato snza alcun titolo).

💗 con Gratitudine, con Amore e con Gioia💗 màriah

domenica 3 dicembre 2017

PREGHIERE ESAUDITE


Dio è brusco e pungente nell'esaudire certe preghiere,
E ci getta in faccia ciò per cui abbiamo pregato,
Un guanto di ferro con dentro un dono.
(Elizabeth Barrett Browning)

Secondo Oscar Wilde, ci sono soltanto due tragedie nella vita: non ricevere ciò per cui si è pregato e riceverlo.

“Le preghiere esaudite spaventano”, ammette Julia Cameron nel libro La via dell'artista. “Implicano responsabilità. Sei tu che I'hai chiesto. Ora che ce l'hai, che cosa farai? Perché, altrimenti, I'ammonizione 'Attenti a ciò per cui pregate; potreste riceverlo'? Le preghiere esaudite ci riconsegnano alle nostre mani. E questo non ci mette a nostro agio.”

Molto spesso, la ragione per cui siamo a disagio è che non abbiamo pregato per la cosa giusta, e in fondo al cuore lo sappiamo. Preghiamo per incontrare I'anima gemella invece che per la grazia di diventare la donna che possa attrarre la nostra anima gemella; preghiamo per il successo nel mondo mentre ciò che veramente agogniamo è un senso di realizzazione autentica; preghiamo per avere più soldi mentre ciò che dovremmo fare è cambiare il nostro rapporto col denaro. Preghiamo, perché una certa situazione produca certi risultati mentre dovremmo pregare per avere la pace della mente, quale che ne sia il risultato.
In realtà, le nostre preghiere vengono sempre esaudite. Il fatto è che non ci piace pensare che “no” sia una risposta ragionevole a ogni ragionevole richiesta. Parlando certamente per tutte noi, in The lrrational Season (La stagione irrazionale) la scrittrice Madeleine L’Engle ammette: “I 'no' non ci piacciono; e qualche volta i 'no' di Dio ci piacciono meno di qualsiasi altro 'no'”.

I “no” dello Spirito sono un Sacro Mistero più ancora dei sì”; quando ci si riflette, dopo che le lacrime, la rabbia e le imprecazioni si sono placate, sono più significativi. I “No” di Dio non hanno senso per la nostra mente cosciente e razionale, soprattutto perché siamo convinte di sapere meglio di tutti gli altri che cosa ci occorre. Ma lo sappiamo? Lo sappiamo davvero?

Noi vogliamo un “sì”, ma qualche volta abbiamo bisogno di un “no”. Pensa al pandemonio che si scatenerebbe se rispondessimo di sì a tutte le richieste di un bambino. È spaventoso anche soltanto pensarci. Ma noi siamo figlie della divinità. Non riusciamo nemmeno lontanamente a vedere il quadro complessivo; né pesiamo le nostre richieste con le preghiere degli altri. Allo Spirito arrivano sia le invocazioni per un soleggiato picnic in famiglia, sia le suppliche del contadino per avere la pioggia.

Non puoi immaginare quale sollievo proveresti se smettessi di dare per scontato di possedere tutte le risposte.

Quando le tue preghiere sembrano rinviate o respinte, devi chiedere allo Spirito se stai pregando per la cosa giusta. Eventualmente, chiedi che ti sia rivelata la preghiera giusta. Molto spesso, quando ci viene detto di no, è per concederci più tempo, spazio, saggezza ed esperienza per prepararci al glorioso momento in cui, poiché saremo finalmente pronte, ben disposte e capaci, lo Spirito ci risponderà con un brusco, pungente e inequivocabile “sì!”

Dal libro SEMPLICE ABBONDANZA di Sarah Ban Breathnach - casa editrice Corbaccio

💗 con Gratitudine, con Amore e con Gioia💗 màriah

mercoledì 15 novembre 2017

Routine di esercizi mentali di Bruce Lee

Torniamo a parlare di Bruce Lee.

Di lui ricordo un film, l'unico che ho visto,tanti e tanti anni fa, e che avrei voluto non vedere in quanto non era, non è il mio genere. Titolo: Cinque dita di violenza.

Per moltissimi anni me ne sono completamente dimenticata, di lui e del film.

Come spesso accade, l'ho riscoperto dopo tantissimo tempo ed è stata una graditissima sorpresa.

Su questo blog avevo già postato le sue 11 fondamentali lezioni. Le troviamo QUI. Andare a rileggere non ci può certo fare male, anzi!

In questo post, invece, vediamo quella che era la routine di esercizi che Bruce Lee eseguiva giornalmente per rafforzare corpo e spirito e che erano alla base del suo stile di vita.

Routine di esercizi mentali



La forza di volontà
Riconoscere che la forza di volontà è la corte suprema di tutti i dipartimenti della mente. Mi eserciterò ogni giorno, quando avrò bisogno dello stimolo per agire per qualsiasi scopo; e formerò come un abito su misura per convertire il potere della mia volontà in azioni e lo farò almeno una volta al giorno.

Le emozioni
Rendermi conto delle mie emozioni positive e negative, crearmi l’abitudine quotidiana di promuovere lo sviluppo delle emozioni positive e aiutarmi a convertire quelle negative in qualcosa di positivo.


La ragione
Riconoscere che le mie emozioni positive e negative sono pericolose se non vengono controllate e guidate per un fine desiderato, depongo tutti i miei desideri, i miei obiettivi ed i miei propositi sotto il potere della ragione e sarò guidato da essa per esprimere tutto questo.

L’immaginazione
Riconoscere la necessità di piani e idee sani per il raggiungimento dei miei desideri, svilupperò la mia immaginazione appellandomi a lei quotidianamente affinché mi aiuti nella formazione dei miei progetti.

La memoria
Riconoscere il valore di una mente vigile e di una memoria attenta, incoraggerò la mia ad essere sempre in allerta preoccupandomi di imprimere chiaramente tutti i pensieri ed i desideri da ricordare, associando questi pensieri ai relativi obiettivi, i quali verranno richiamati alla mente di frequente.

Il subconscio
Riorganizzare l’influenza di mio subconscio sulla mia forza di volontà, mi prenderò cura di sottoporgli un quadro chiaro e preciso del mio scopo principale nella vita e tutti gli effetti secondari che portano al mio scopo principale, manterrò costantemente impressa questa immagine nel mio subconscio e la ripeterò ogni giorno.

La coscienza
Riconoscendo che le mie emozioni spesso sbagliano con il loro eccessivo entusiasmo e la mia facoltà della ragione, spesso, è carente dei sentimenti necessari per permettermi di combinare la giustizia con la misericordia nei miei giudizi, chiedo alla mia coscienza di guidarmi su ciò che è giusto e sbagliato; non mi permetterò mai di mettere da parte il suo verdetto, non importa quale sarà il prezzo per farlo.

💗 con Gratitudine, con Amore e con Gioia💗 màriah

domenica 29 ottobre 2017

Il bene e il male...

SULLA RELATIVITA' DEL BENE E DEL MALE

"Sono già morto?", chiese l'uomo.
"Già", annuì il Demiurgo senza staccarsi da un grosso libro.
"E adesso...?"
"E adesso devi andare lì". Il Demiurgo indicò con un dito una porta. "Oppure lì", disse indicando un'altra porta poco appariscente.
"Cosa c'è di la?"
"L'Inferno. O il Paradiso. Dipende."

"Ah... Ma dove devo andare io?"
"Da solo non lo sai?" Il Demiurgo alzò il sopracciglio.
"Beh... Che ne so. A secondo delle mie azioni..."
"Hmmm..." il Demiurgo mise il segnalibro e guardò l'uomo.
 "Ok, ok".

Aprì il libro all'inizio ed iniziò a leggere.

"Qui c'è scritto che hai aiutato una vecchia ad attraversare la strada. L'hai fatto?"
"Si".
"Era un'opera buona?"
"Buona, certo"
"Ora vediamo. Cinque minuto più tardi la vecchina fu investita da un tram. Se non l'avessi aiutata, non sarebbe successo e lei avrebbe potuto vivere ancora una decina d'anni."

L'uomo lo guardò, sotto shock.

"Oppure questo. A 23 anni hai partecipato ad una grossa rissa, insieme ad un gruppo di amici."
"Sono stati loro a iniziare!"
"Qui c'è scritto di no. Tu hai rotto il naso e due dita ad un ragazzo di 17 anni. Questo è un bene?"

L'uomo tacque.

"Dopo di che il ragazzo non ha più potuto suonare il violino, e  poteva diventare qualcuno. Hai stravolto la sua carriera."
"Non volevo..."
"Certo. Del resto, il ragazzo odiava il violino. Dopo la vostra rissa si è appassionato al box e poi è diventato il campione del mondo. Continuiamo?"

Il Demiurgo voltò alcune pagine.

"La violenza carnale: era un bene o un male?"
"Non volevo..."
"Era nato un bambino... era diventato un ottimo medico. Ha salvato molte vite umane. Era un bene o un male?"
"Forse si."
"Ha salvato la vita ad un serial killer. Era un bene o un male?"
"Ma..."
"Il killer ha ucciso una donna incinta di un genio. Un bene?"
"Ma..."
" Ma questo grande scienziato, se fosse nato, avrebbe inventato un'arma capace di distruggere la Terra. E questo?"

"Ma io non potevo saperlo! gridò l'uomo.

"Naturalmente. Ecco, sulla pagina 26: hai calpestato una farfalla!"
"E cosa è successo?!"

ILDemiurgo ha aperto il libro  e gli fece leggere alcune righe. L'uomo lesse e i capelli gli si drizzarono sulla testa.

"Terribile...", sussurrò.

"Ma se non l'avessi calpestata, sarebbe successo questo. Leggi questo."
L'uomo lesse e  chiese: "Significa che ho salvato il mondo?"
"Si, 4 volte. Hai calpestato la farfalla, hai spinto un anziano, hai tradito il tuo nemico e hai rubato il borsellino ad una signora. Ogni volta il mondo era sull'orlo del baratro, ma grazie a te, si era salvato."

"Ah... e sull'orlo del baratro... sono sempre stato io?"
"Sempre tu, nessun  dubbio. Quando hai dato da mangiare al gattino randagio e hai salvato uno che affogava."

L'uomo cadde in ginocchio.

"Non ci capisco più niente", pianse. "Tutto ciò di cui ero orgoglioso e tutto ciò di cui mi vergognavo... tutto al contrario, non quello che sembra!"

"Ecco perché sarebbe ingiusto giudicarti a secondo delle tue azioni. Forse, dalle intenzioni... sei tu il giudice."

Chiuse il libro e lo mise via.

"Insomma, quando decidi dove vuoi andare, apri quella porta. Ho da fare.
L'uomo alzò il viso rigato di lacrime. "Ma non so dov'è il Paradiso e dov'è l'Inferno!"

"Scegli tu," rispose il Demiurgo.

(Aleksandr Snezhko)

💗 con Gratitudine, con Amore e con Gioia💗 màriah

sabato 21 ottobre 2017

Libro: Buona Cacca a tutti!

Ti piacerebbe seguire un Programma Detox per l'Intestino? Bene!

Tale programma, che dura 10 giorni, si trova all'interno di un nuovo libro, edito da Macro Edizioni, dal titolo simpaticamente augurale:  Buona Cacca a Tutti!
Sottotitolo: Un intestino sano per migliorare la nostra salute fisica e mentale
Autore: Adrian Schulte. Medico. Da più di vent'anni studia i disturbi dovuti alle abitudini alimentari errate.

Un intestino intasato e mal funzionante, tanto per capirci, molto spesso è la causa del nostro malumore, della mente addormentata e del nostro sentirci sottotono... e responsabile di patologie varie. Hai presente quando ci si sente di...cacca? Di merda... diciamolo pure, vah!

Il Dottor Adrian Schulte ideatore di questo metodo di disintossicazione e rigenerazione dell'intestino che dura 10 giorni, ritiene che l'intestino sano dipende da quello che ingeriamo, da cosa, da come e da quanto mangiamo. E dalla scelta degli alimenti con i quali ci nutriamo.

Nonostante l'argomento sia un tantino scabroso e imbarazzante, se non viene trattato in modo ironico e spiritoso, è una cosa che ci riguarda da vicino, tutti quanti, proprio tutti!  Fa parte della nostra quotidianità, così come il mangiare. Così come si ingeriscono gli alimenti, così si espellono gli scarti.

Sembra un tema scurrile, invece è molto serio. Mangiare e cagare...

Pensaci: cosa ti rende più felice di una bella mangiata e di una bella cagata? (non pensarci troppo perchè ti verranno in mente altre cose! spero..., ma limitiamoci all'argomento.) Dopo che ci siamo scaricati, infatti, siamo tutti soddisfatti e stiamo bene, stiamo molto meglio.

E' proprio così che inizia la prefazione del libro: "Ah, che bella cagata!"

L'Autore, dopo averci illustrato la "storia della toilette", ci guida in un interessante viaggio all'interno dell'apparato digerente, ci indica la corretta via da seguire per mantenerci in buona salute e ci mette in guardia da quello che può fare ammalare prima l'intestino e poi noi.

Il libro, naturalmente,  contiene anche consigli pratici e ricette da eseguire facilmente a casa, oltre a suggerimenti sui vari alimenti che fanno bene a noi e alla salute nostro intestino.

Termino il post con un breve, anzi brevissimo, suggerimento che chiude il capitolo dedicato ai sensi: gusto e olfatto.

"In conclusione: nella scelta e nel consumo degli alimenti utilizzate sempre tutti i sensi di cui disponete, non solo avrete più soddisfazione mangiando, ma ne approfitterà anche la vostra salute."

💗 con Gratitudine, con Amore e con Gioia💗 màriah

venerdì 20 ottobre 2017

Brizzi: La via della ricchezza, libro

Finalmente è uscito il nuovo e attesissimo libro di Salvatore Brizzi: La Via della Ricchezza. Sottotitolo: Il denaro al servizio dell’umanità

Nel caso ci fosse qualcuno che non lo conoscesse, Salvatore Brizzi è un apprezzato, stimato e seguito da moltissime persone, conferenziere, autore di libri che trattano  tematiche esistenziali, esoterismo, alchimia, magia, crescita evolutiva personale e spirituale.

Questo suo nuovo libro, edito da Anima Edizioni, è un libro che scuote, un libro duro. Un libro che potrebbe essere anche considerato"pericoloso" per certi versi, ma che per altri potrebbe farci molto bene. In ogni caso, sarà molto utile e interessate.

Come al solito, così com'è nel suo stile, Brizzi esprime il suo originale pensiero e ci espone il suo concetto rivoluzionario in merito alla ricchezza.

Quello che andremo a leggere trasformerà e distruggerà molte credenze alle quali siamo attaccati e affezionati, che impediscono il nostro procedere spediti nel percorso evolutivo.
.
L'autore ci spiega anche come spiritualità e abbondanza di denaro siano conciliabili tra di loro e che la ricchezza è parte integrante dello stato di benessere globale dell'essere umano.

Ma non solo... La ricchezza è un nostro preciso dovere, "dovere civicocome andare a votare..." dice Brizzi, e tutti abbiamo il dovere di realizzarla. E ci sprona a prenderci la responsabilità della ricchezza. Perchè, ribadisce: "... essere ricco è una tua responsabilità e un tuo dovere.. "

La Via della Ricchezza non è solo un insieme di concetti stimolanti, ma contiene anche parecchi suggerimenti ed esercizi pratici.

Nonostante l'esortazione che accompagna la presentazione del libro, e che possiamo leggere qui sotto, la Via della Ricchezza è uscito da poco e ha già venduto tantissime copie...  

"Compra questo libro solo se hai intenzione di diventare una persona diversa, sennò posalo. Se sei interessato unicamente a fare soldi, allora a me non interessano i tuoi soldi."

Insomma, Brizzi è sempre una garanzia! Non è mai banale e non è mai scontato. Sempre bello leggerlo e apprendere dai suoi testi.

💗 con Gratitudine, con Amore e con Gioia💗 màriah